Facebook Twitter YouTube Rss
Loading

Mal di Schiena

Esame e Diagnosi del Mal di Schiena


A- A+

Se il Mal di Schiena dura per più di alcuni giorni, se è acuto o accompagnato da altri sintomi, si dovrebbe consultare uno specialista della colonna vertebrale.

Un dolore prolungato e improvviso può essere un segnale di una patologia più grave di una contrattura o di uno strappo muscolare e che non guarirà da solo con il passare dei giorni.


La visita medica

In una visita tipica di controllo della colonna vertebrale, il medico specialista ti farà alcune domande e realizzerà alcuni test di base per identificare la causa del Mal di Schiena in modo da poter scegliere un trattamento appropriato per ogni caso.

In primo luogo, lo specialista ti potrà chiedere circa i sintomi presenti e se hai adottato alcune misure per porvi rimedio. Inoltre, eseguirà un esame fisico e neurologico.

Nell'esame fisico, il medico osserva la postura, la gamma dei tuoi movimenti (se li esegui facilmente e in che misura puoi muovere alcune articolazioni), così come la tua condizione fisica, annotando qualsiasi movimento che ti provoca dolore. Palperà la colonna vertebrale, osserverà la sua curvatura e allineamento e cercherà spasmi muscolari.

Durante l'esame neurologico metterà alla prova i tuoi riflessi, la forza muscolare e i cambiamenti nei nervi così come il livello di espansione del dolore. Quest’esame ha bisogno della partecipazione attiva del paziente. Ad esempio, ti potrà essere chiesto di piegare il busto in direzioni diverse e muovere le braccia e le gambe stando in piedi o sdraiato sulla barella.


Prove di diagnostico ad immagini

Se il dolore dura più di quattro settimane, se è molto forte o se si soffre di un'altra malattia, possono essere necessari esami di immagini come raggi X, Tomografia Assiale Computerizzata (TAC) o Risonanza Magnetica (MRI).

I raggi X, per esempio, possono mostrare un restringimento dello spazio del disco (stenosi spinale), fratture, speroni ossei (osteofiti) o osteoartrite. Una TAC o una risonanza magnetica possono rivelare una protrusione discale o un'ernia del disco.

Ti potrebbero anche chiedere di eseguire altre procedure diagnostiche, quali:

Scintigrafia ossea. Questa tecnica consente di rilevare problemi della colonna vertebrale, come artrosi, fratture, o infezioni. Al paziente viene iniettato in vena una piccola quantità di materiale radioattivo. Il materiale viaggia attraverso il flusso sanguigno e viene assorbito dalle ossa. L'area in cui vi è attività anormale (ad esempio un’infiammazione) assorbirà più materiale. Uno scanner è in grado di rilevare la quantità di radiazione in tutte le ossa e indicare quali aree hanno assorbito più materiale radioattivo. In questo modo il medico può scoprire qual è il problema.

Discografia. Questa procedura viene utilizzata per confermare o escludere che un disco intervertebrale sia la causa il dolore. A tal fine, si inietta una sostanza innocua in uno dei dischi. Se c'è qualche problema con il disco, ad esempio se è erniato, la sostanza filtrerà all'esterno del disco stesso. Il medico allora potrà osservarlo con una radiografia.

Elettromiografia. Se c'è una possibilità di danni al sistema nervoso può essere richiesta una EMG. Questo test consente di misurare la velocità di risposta neurale a stimoli elettrici esterni. Di solito questo è un test che non viene richiesto immediatamente dato che possono passare diverse settimane prima che il paziente si accorga di alcun problema nervoso (ad esempio perdita della sensibilità, riflessi anormali o debolezza).

Mielografia. Per stabilire se vi sia un disturbo del canale spinale o del midollo spinale, forse la compressione di un nervo che causa dolore e debolezza, si può eseguire una mielografia. In questa procedura si inietta al paziente anestetizzato un materiale speciale nella zona intorno al canale spinale e dei nervi. Poi viene realizzata una radiografia o una TAC. L'immagine risultante mostra in dettaglio l'anatomia della colonna vertebrale, soprattutto delle ossa.

Una che il medico ha confermato la diagnosi, elabaorerà un trattamento che può includere farmaci, fisioterapia e anche, nei casi più seri, un intervento chirurgico

Ultima attualizzazione: 02/05/2012

Articoli su questo tema

Pagine
1

Trova uno Specialista

Le informazioni che pubblica SaluteSchiena.com non sostituiscono nessuna consulenza medica. Rivolgiti sempre ad un medico circa le tue condizioni di salute o problemi alla schiena per ottenere una diagnosi e il trattamento su misura per il tuo caso in particolare. L'utilizzo della pagina SaluteSchiena.com è subordinato all'accettazione delle nostre Condizioni d'Uso.

2012 Vitacare Media/SaluteSchiena.com. Tutti i diritti riservati.